Unplugged

In età adolescenziale il gruppo dei pari diventa progressivamente più importante nella vita dei ragazzi, può rappresentare una risorsa nel rinforzare i fattori protettivi che permettono di adottare comportamenti orientati alla salute, ma, allo stesso tempo, può costituire un fattore di rischio in quanto in grado di condizionare i comportamenti spingendo all’uso di sostanze.

Le evidenze scientifiche dimostrano quanto, ad esempio, la propensione all’uso di sostanze aumenti quando le opinioni dei pari sono volte a renderlo maggiormente accettabile e quanto i ragazzi abbiano la tendenza a sovrastimare le proprie abilità di controllare l’uso di sostanze: pensano di poter smettere “quando vogliono”, così come tendono a sottostimare gli effetti negativi delle sostanze sulla propria salute.

In questa fase di tendenza alla sperimentazione accompagnare i ragazzi nello sviluppo delle proprie abilità di vita (Life Skills) consente però un positivo adattamento al loro contesto.

 

 

Obiettivo
  • Aumentare le conoscenze corrette sulle sostanze e sui loro effetti sulla salute;

  • Sviluppare le abilità di vita necessarie per resistere alla pressione dei pari e alle influenze sociali.

 

Destinatari

Studenti delle classi prime della scuola secondaria di secondo grado.

 

Cosa prevede l’iniziativa

Gli istituti aderenti si impegnano a realizzare il programma, costituito da 12 unità di apprendimento, nella sua interezza, durante il primo anno della scuola secondaria di secondo grado. Le unità vengono condotte in classe dai docenti formati secondo modalità attive e il coinvolgimento diretto degli studenti, con attività quali la discussione, il brainstorming, il Role Play, lavori di gruppo, simulate e possono essere integrate nel curriculum scolastico diventando un valido supporto all’apprendimento complessivo.

Il programma prevede l’utilizzo di un manuale degli insegnanti con una descrizione che funge da guida per la realizzazione delle unità in classe e un quaderno dello studente che accompagna e stimola il confronto fra gli studenti. La riuscita del programma è correlata direttamente alla capacità degli studenti di scambiare idee ed emozioni e discutere e condividere i propri pensieri in gruppo. Questa dimensione di confronto è sostenuta in modo significativo dalla relazione educativa con l’insegnante. Durante lo svolgimento del programma è previsto un monitoraggio in itinere e una valutazione della soddisfazione degli studenti e insegnanti attraverso la somministrazione di un questionario finale.

 

Partner di progetto

Il programma viene promosso e sviluppato in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale, con la Rete Provinciale di Brescia delle Scuole che Promuovono Salute, il coordinamento dei CFP Bresciani, le ASST del territorio e gli enti del Privato Sociale

 

Il ruolo dell’ATS di Brescia

ATS di Brescia, in collaborazione con gli altri partner di progetto, promuove la diffusione del programma negli istituti scolastici, coordina e cura la formazione degli insegnanti, fornisce un supporto tecnico-metodologico nella fase di pianificazione e durante la sua realizzazione.

 

Materiale di approfondimento

Per maggiori informazioni sul progetto visitare il sito unplugged italia

Per scaricare il Manuale dell’insegnante e il Quaderno dello studente visita il sito european drug addiction prevention trial e clicca sulla bandiera italiana nella sezione “Teacher’s Handbook”

Di seguito gli istituti che hanno attivato il programma:

CFP Zanardelli - Brescia

CFP Educo-Brescia

CFP Lonati Foppa-Brescia

AGENZIA Formativa Don Tedoldi - Lumezzane

Scuola delle Arti e della Formazione R. Vantini - Rezzato

IPSEOA Caterina De’ Medici - Gardone Riviera

IPSIA IIS Beretta – Gardone Val Trompia