Peer education (Educazione tra pari)

In età adolescenziale il gruppo dei pari riveste una grande importanza nel processo di crescita e sviluppo della persona, costituendosi come spazio di confronto che risponde ai bisogni di fare nuove esperienze, verificare le proprie abilità, elaborare nuove conoscenze e consapevolezze.

La diversità di ogni persona può accrescere le risorse all’interno del gruppo, soprattutto quando questo si configura come un ambiente che sviluppa climi di fiducia, mantiene vivo il desiderio di apprendere e di confrontarsi, influenza positivamente gli atteggiamenti e i comportamenti dei membri nei confronti della salute e degli stili di vita.

 

Obiettivo

Aumentare negli studenti competenze e conoscenze specifiche che permettano loro di fare scelte positive per la salute

 

Destinatari

Studenti della scuola secondaria di secondo grado

 

Cosa prevede l’iniziativa

Il progetto prevede che la scuola attivi la Peer Education all’interno del proprio istituto. La Peer Education è una strategia riconosciuta valida a livello internazionale per gli interventi preventivi e prevede che, in ambito scolastico, alcuni studenti volontari in equilibrio di rappresentatività: maschi, femmine, diversa provenienza culturale, tendenzialmente appartenenti al triennio della scuola secondaria di secondo grado e con specifiche caratteristiche e motivazioni (desiderosi di apprendere e sviluppare competenze comunicative e relazionali pro-sociali, motivati a trattare temi di salute e/o discutere in gruppo diversi argomenti..) vengano formate/i in attività di gruppo per poter svolgere, alla fine di uno specifico training formativo il ruolo di Peer Educator (o Educatore fra pari) nei confronti di altri studenti (i destinatari finali), loro simili per vicinanza d’età, provenienza culturale, esperienze.

La formazione al ruolo di Peer Educator, svolta in incontri di gruppo nell’arco dell’anno scolastico, riguarda sia lo sviluppo di diverse competenze comunicativo - relazionali e organizzativo-metodologiche, sia l’approfondimento di tematiche di salute, quali, ad esempio: lo star bene in classe, a scuola; il metodo di studio; le dipendenze; affettività e sessualità; bullismo e cyberbullismo; l’alimentazione e l’attività fisica; la gestione delle emozioni; le discriminazioni. Sulla base dell'esperienza di formazione realizzata in gruppo, delle competenze in essa maturate, del sapere relativo all’organizzazione del proprio istituto e considerando i bisogni emergenti nella loro scuola i Peer Educator - in collaborazione con alcuni docenti e con gli operatori esperti esterni - ideano, progettano, concordano e realizzano iniziative di sensibilizzazione coinvolgendo in varie forme gli altri studenti: quasi sempre attraverso ingressi nelle classi prime e seconde nei quali si stimola il confronto circa la tematica in oggetto ma, anche, su argomenti proposti da una “Giornata Mondiale” attraverso forme di coinvolgimento della popolazione scolastica in generale con modalità comunicative meno convenzionali, come ad es: flash mob, performance, concorsi di idee , produzioni espressive,...

 

Partner di progetto

Il progetto può essere sviluppato in collaborazione con i Consultori pubblici e privati accreditati e gli Enti del Terzo Settore.

 

Il ruolo dell’ATS di Brescia

ATS di Brescia promuove e realizza interventi di consulenza, di co-progettazione, di formazione rivolti a docenti, operatori del territorio interessati, gruppi di studenti interessati di diversi istituiti.

Promuove e coordina lo scambio e il confronto in rete di esperienze e metodologie dei diversi gruppi di lavoro impegnati nei progetti di Peer Education.

Mantiene il collegamento con Regione Lombardia per un costante aggiornamento sulla strategia preventiva.

 

Materiale di approfondimento

Per alcune indicazioni metodologiche utili agli studenti per lo svolgimento della Peer Education nelle scuole secondarie di secondo grado consulta il Vademecum per studenti.

Di seguito gli istituti scolastici del territorio nei quali è attiva la Peer Education (aggiornato al 29/04/2022):

Liceo Scientifico «N. Copernico» - Brescia

Liceo Scientifico Statale «Leonardo» - Brescia

Liceo di Stato «G. Bagatta» - Desenzano d/G

Liceo «V. Gambara» - Brescia

I.I.S. «M. Fortuny» - Brescia

I.I.S. «M. Fortuny-Moretto» - Brescia

I.I.S. «V. Dandolo» - Bargnano

I.I.S. «V. Dandolo» - Orzivecchi

I.I.S. «B. Castelli» - Brescia

C.F. AIB – Castel Mella

C.F. AIB – Ome

CFP «Zanardelli» - Clusane di Iseo

CFP «Zanardelli» - Chiari

I.I.S. «Einaudi» - Chiari

I.I.S. «Cerebotani» - Lonato

I.I.S. «Marzoli» - Palazzolo

I.I.S. «Don Milani» - Montichiari

I.I.S. «B. Pascal» - Manerbio

I.I.S. "B. Pascal" - Verolanuova

I.I.S.«Tartaglia-Olivieri» - Brescia

I.I.S. «Sraffa» - Brescia

I.I.S. Abba Ballini - Brescia

I.I.S. Golgi - Brescia

I.I.S. «Perlasca» - Vobarno e Idro

I.I.S. «G. Antonietti» - Iseo

I.I.S. «Primo Levi» - Sarezzo

I.I.S. «C. Beretta» - Gardone V.T.

IPSEOA «C. de’ Medici» - Gardone Riviera

 

Ultimo aggiornamento: 16/05/2022