Amianto

Al fine di prevenire il rischio di esposizione a fibre di amianto per la popolazione e per gli addetti, la legge  prevede che debba essere trasmesso alla ATS un piano di rimozione contenente le modalità con cui si intende effettuare le lavorazioni.

I datori di lavoro delle imprese che intendono effettuare lavori di demolizione o di rimozione dell'amianto, sia in matrice compatta che friabile, ai sensi dell'art. 256 D.lgs. 81/08, devono predisporre uno specifico Piano di lavoro.

In casi particolari, per esposizioni di breve intensità, è ammessa una procedura semplificata, con la presentazione della sola notifica (art. 250 D.lgs. 81/08). Questi casi riguardano generalmente meccanici, elettricisti, lattonieri, idraulici che si trovino nella necessità di intervenire occasionalmente e per tempi brevi (meno di 4 ore) su quantitativi ridotti di materiali contenenti amianto.

L’ATS riceve le notifiche e i piani per la rimozione . Il piano viene valutato e, se necessario, vengono rilasciate delle vincolanti prescrizioni operative.

E' obbligatorio trasmettere per via telematica la Notifica e il Piano di Lavoro .

E' possibile consultare la  Nota Regionale H1.2014.0010474 del 11/3/2014  che fornisce indicazioni su come fare la trasmissione telematica.

Per la trasmissione telematica GEMA

Ultima modifica: 16/05/2018