Pollini

Nell’aria sono comunemente dispersi pollini ed allergeni che, in soggetti predisposti, possono essere causa di fenomeni allergici.

Oltre alle specie tradizionalmente presenti sul territorio, i cambiamenti climatici e l’attività dell’uomo sono responsabili dell’introduzione di nuove specie vegetali ed animali nell’ambiente, la cui presenza può influire sull’andamento di tali fenomeni. Per le patologie allergiche, sono stati ad esempio registrati sia la comparsa di sensibilizzazioni a nuovi allergeni aerodispersi, che cambiamenti nella stagionalità dei sintomi da allergia a pollini.

I “bollettini del polline” sono strumenti informativi utili ai soggetti allergici, ai loro familiari ed al personale medico, in quanto la loro regolare consultazione permette di conoscere quali pollini allergenici sono presenti in atmosfera, le relative concentrazioni e tendenze evolutive, in modo da permettere una migliore programmazione della terapia sintomatica, anche in relazione a eventuali viaggi e spostamenti sul territorio.

È essenziale ricordare che le informazioni riportate nei bollettini non hanno finalità cliniche, per le quali è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante.

È possibile consultare il bollettino pollinico con gli aggiornamenti sulla concentrazione di pollini aerodispersi sul territorio nazionale:

Ultimo aggiornamento: 09/05/2022