Interventi di sostegno abitativo per l'integrazione del canone di locazione e promozione di adozioni di mediazione familiare dei genitori separati o divorziati

Con Decreto n. 3167 del 10/03/2020 e successive modifiche e integrazioni, Regione Lombardia implementa gli interventi di sostegno a favore di coniugi separati o divorziati, in particolare con figli minori di cui alla L.R. 18/2014, attraverso l’erogazione di contributi economici per l’abbattimento del canone annuo di locazione e attraverso la promuovere di interventi di mediazione familiare

 

AVVISO INTEGRAZIONE DEL CANONE DI LOCAZIONE

 

Il contributo è destinato ai genitori che hanno i seguenti requisiti:

  • stato civile di separato/divorziato.

    Per le domande presentate dal 05/01/2021, come previsto dal Decreto n.16471 del 24/12/2020, la separazione deve essere avvenuta entro i 2 anni precedenti la data di presentazione della domanda

  • avere figli nati o adottati nel corso del matrimonio minori o maggiorenni (solo se incarico ai genitori)

  • avere figli disabili minori o maggiorenni in carico ai genitori

  • un ISEE in corso di validità inferiore o uguale a € 30.000,00

  • residenza in Lombardia da 5 anni

  • non aver riportato condanne con sentenze passate in giudicato per reati contro la persona, tra cui gli

    atti persecutori di cui al decreto - legge 23 febbraio 2009, n. 38, nonché per i delitti di cui agli articoli 570 e 572 del codice penale

  • essere intestatari di un contratto di locazione regolarmente registrato o di un contratto provvisorio per emergenza abitativa (es. residence, housing o altra tipologia di alloggio)

 

I destinatari della misura, tenuto conto delle difficoltà sociali ed economiche causate dal perdurare dell’emergenza Covid-19, possono presentare domanda di contributo per due annualità.

L’ammontare del contributo è pari al 40% del canone annuo, fino ad un massimo di € 2.500,00 nel caso di canone calmierato/concordato e a € 3.500,00 nel caso di canone a prezzo di mercato.

Possono accedere inoltre al contributo i genitori che si trovano a vivere in condizione di grave marginalità sociale e che sono ospiti presso strutture di accoglienza o che vivono in condizioni precarie e non dignitose.

 

La domanda come specificato dal Decreto disponibile sul sito di Regione Lombardia deve essere presentata esclusivamente online, sulla piattaforma informativa Bandi online visualizzabile al seguente LINK a partire dalle ore 12:00 del 19 marzo 2020 e fino al 31 dicembre 2021 salvo esaurimento delle risorse. 

 

 

AVVISO MEDIAZIONE FAMILIARE

 

La misura è finalizzata a promuovere interventi di mediazione familiare a favore di genitori separati/divorziati.

La mediazione familiare è un processo collaborativo di soluzione del conflitto in cui la coppia con figli è supportata da un soggetto terzo imparziale che favorisca la comunicazione tra le parti al fine di identificare soluzioni accettabili per entrambi i genitori dopo la separazione per recuperare un dialogo positivo, in particolare nei riguardi dei figli.

La domanda come specificato dal Decreto disponibile sul sito di Regione Lombardia è presentata dalle Asst, dagli Enti accreditati per la gestione dei Consultori privati, dai Comuni/Ambiti esclusivamente sulla piattaforma informativa Bandi Online visualizzabile al seguente LINK  

a partire dalle ore 9.00 del 1 giugno 2020 fino al 31 dicembre 2021 salvo esaurimento delle risorse

Il contributo massimo assegnabile, a fondo perduto, per ogni intervento è pari a € 300,00 a persona/coppia. Le prestazioni erogabili sono complementari a quanto definito nella d.g.r. n. 6131/2017 "Aggiornamento del tariffario delle prestazioni consultoriali in ambito materno infantile" e vengono individuate mediante la definizione di un progetto individuale, con durata limitata al periodo di fine (mediante sentenza) del rapporto di coppia.

 

Per informazioni scrivere all'indirizzo mail famiglia@ats-brescia.it tel. 030/3839020 - 9076 - 9045